Enrico Boccia nasce a Potenza nell'ottobre del 1976. Inizia a scarabocchiare e colorare pensieri e racconti sui block notes che avrebbe dovuto usare per sostenere gli esami all’Università di Urbino. Ritorna nella sua città e, tra mille lavori e scelte senza preavviso, impara a essere padre di Roberto. Ogni volta che arriva la sera e ritorna a casa, poggia le sue dita sulla tastiera di un computer che ormai lo accompagna da 12 anni per suonare e raccontare i colori, i profumi e tutto ciò che le persone non hanno voglia o il tempo di guardare... o vivere.

La passione per la scrittura è sempre stata, per Enrico, un modo per tenere unito tutto ciò che spesso è destinato a essere dimenticato in quel preciso giorno, momento o luogo. E lo fa esattamente a modo suo: con le note a volte ironiche e a volte con le lacrime a cui nessuno crede.

Amante dei testi delle canzoni e del suo Weimaraner Dante, Enrico continua a far esplodere nei suoi racconti amore, gelosia, schiettezza, rabbia, ironia e ribellione. Alla fine vuole solo, con elegante presunzione, far “vivere” ciò che… vive.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© LfaEditoreNapoli Via Armando Diaz 17 80023 Caivano Partita IVA: 06298711216