Patrizia Giansoldati è di famiglia emiliana, della provincia di Reggio Emilia, ma nasce a Napoli il 24 febbraio 1962, per ragioni di lavoro del padre ivi trasferitosi a metà degli anni cinquanta, con la famiglia al seguito, per designazione della compagnia petrolifera Agip Commerciale - Gruppo Eni.

Vive stabilmente nella città partenopea, per circa dieci mesi all’anno, fino al compimento degli studi liceali che frequenta al Vomero, quartiere collinare di Napoli, presso il Liceo Scientifico Statale “Leon Battista Alberti”. La sua vita si alterna fra Napoli e l’Appennino Reggiano imparando ad apprezzare e interiorizzare i diversi usi, costumi e tradizioni che spaziano dalla cultura contadina reggiana a quella più dinamica e caotica della metropoli partenopea, fino a quando all’età di 23 anni ritorna definitivamente, con la famiglia, in terra emiliana, in provincia di Reggio Emilia, nel comune di Castelnovo Ne’ Monti, ai piedi della Pietra di Bismantova. Nel gennaio del 1990 inizia a lavorare nella Pubblica Amministrazione previo superamento concorso presso il Ministero del Lavoro, con assegnazione della sede lavorativa in Reggio Emilia dove vive tutt’oggi. Fin da bambina Patrizia si diletta a scrivere e inizia a comporre brevi racconti traendo spunto dalla realtà e mostra particolare interesse per la narrazione di storie vere, nelle quali si cala appieno come nell’opera scritta nel 2013 per la Pro Loco della comunità montana di appartenenza con la rievocazione storica della vita di un aviatore di umili origine contadine. I proventi delle opere di Patrizia sono sempre finalizzati alla beneficienza, così come nel 2014 quando la storia dell’aviatore viene rappresentata nel teatro di un piccolo comune montano, in provincia di Reggio Emilia, allo scopo di raccogliere fondi per la Scuola Parrocchiale Materna. Gli anni trascorsi a Napoli segnano indelebilmente le sue emozioni che sembrano esplodere nel suo ultimo libro “Gli occhi del Cuore”, in cui il ruolo della narratrice si fonde con quello della protagonista e i sentimenti sono quelli vissuti in prima persona, quelli di un’amicizia sincera e fraterna destinata a vivere in eterno oltre i confini del mondo.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© LfaEditoreNapoli Via Armando Diaz 17 80023 Caivano Partita IVA: 06298711216