Rita Loreti nasce a Roma nel 1974. Cresciuta nella periferia romana, in un ambiente familiare umile e dignitoso, caratterizzato da difficoltà quotidiane legate al disturbo schizoaffettivo di cui era ammalato suo padre, sviluppa una spiccata emotività e sensibilità caratteriale, che diventano tangibili nella poesia “Ansia”. Il tema dell’accettazione della fragilità umana, come unico mezzo per il perdono di se stessi e degli altri dinnanzi all’errore, riecheggia in tutta la sua produzione poetica. Concetto esplicato in poesie quali “Umanità” e “Santa Maria della Pietà”. Fin da bambina, infatti, demonizza tramite la scrittura di poesie, il disagio ambientale e relazionale, di cui si sente vittima. Nascono poesie come “Macelleria”, “Case” e ”Domenica” . Sono le letture di autori illustri, quali Marcel Proust, Sigmund Freud, Jean-Paul Sartre a tenerle compagnia in tutta la fase adolescenziale e ad influenzare il suo modo di percepire l’esistenza. Ne sono un esempio, “Rimpianti” e “Piano Terra”. Nel 2009 diventa madre e percorre attraverso la crescita di sua figlia, quei sentieri infantili di gioia, a cui a suo tempo, dovette rinunciare. Scrive “A mia figlia” , “Madre” e “Di che colore sei?” Oggi, l’autrice è una donna consapevole che si è rappacificata con il passato.

Nella poesia “Livido” l’ ultima nata, utilizza la metafora di un fiore, per descrivere la possibilità che ha il dolore, opportunatamente rielaborato, di elargire amore.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© LfaEditoreNapoli Via Armando Diaz 17 80023 Caivano Partita IVA: 06298711216