Manuel Mandica, nasce nel  1999.

In questo momento è  studente universitario con la passione per la scrittura.

Nella sua breve vita non ha compiuto delle grandi imprese, ma ha fatto delle cose semplici nel mondo più giusto per lui.

Ha iniziato a scrivere per hobby all’età di quattordici anni e ora, che ne ha ventidue, ha deciso di pubblicare il suo modo particolare e alternativo di rappresentare e rapportarsi con la realtà.

L’opera che ha presentato è una raccolta di poesie.

I testi sono scritti al momento in base all’ispirazione, infatti sono scritti su WhatsApp con la tecnica definita da lui: “del messaggio di WhatsApp”.

Questa tecnica gli permette di scrivere i testi di “botto” per poi mandarli a un destinatario, cioè una poesia mandata come se fosse un semplice messaggio.

I temi trattati parlano delle emozioni da quelle più gioiose a quelle più tristi, che s’incontrano con il vissuto passato e quello presente.

Scrive -quindi-  quello che ha vissuto o quello che sta, appunto, vivendo e lascia che le emozioni s’insinuino tra le sue parole, così che anche le persone che leggeranno il suo libro potranno “rivivere” quello che ha passato e che sentono le sue sensazioni.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© LfaEditoreNapoli Via Armando Diaz 17 80023 Caivano Partita IVA: 06298711216